Italia seconda sul podio dei migliori ricercatori d'Europa: lo studio all'estero premia il nostro Paese

By in
4315
Italia seconda sul podio dei migliori ricercatori d'Europa: lo studio all'estero premia il nostro Paese

Nei prestigiosi premi Starting Erc per l’European Research Council, i ricercatori italiani si sono aggiudicati il secondo posto, ma con più cervelli migrati (30 riconoscimenti), rispetto a quelli rimasti negli atenei e centri di ricerca nazionali (28 riconoscimenti). Chi studia all’estero, dunque, è favorito.

L’Italia, quest’anno, è riuscita ad accorciare la distanza con i tedeschi capofila per la qualità della ricerca prodotta. 1 su 7 dei premi “Starting ERC” è andato a un ricercatore italiano che ha perlopiù sviluppato il proprio progetto in un centro di ricerca straniero. Del 15% dei progetti italiani premiati, solo il 7% verrà realizzato in Italia.

Studiare o abilitarsi all’estero, dunque, si configura sempre più come una valida alternativa per chi non vuole essere bloccato da un test di ingresso alle lauree in medicina e per chi vuole guardare al futuro con positività, pronto ad entrare nel mondo del lavoro.

La soluzione ideale è rappresentata dai percorsi di studio all’estero. Con Eurouniversity potrai iscriverti nelle migliori università straniere: in SpagnaRomania Bulgaria accedendovi senza test.

Per informazioni sull’iscrizione ad un’università estera, affidarsi ad Eurouniversity è la soluzione più semplice e veloce.

L’appuntamento con il tuo futuro, è ora! Contattaci.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.